Feeds:
Posts
Comments

Ricordi di Uri

divano

  • si addormentava quando suonavo la chitarra (naturalmente gli servivano 10 minuti buoni prima per decidere che l’oggetto “chitarra” non era una minaccia)
  • l’energia che aveva a fine giornata, dopo aver passeggiato per ore, la prima volta che siamo andati in montagna, quando aveva ancora voglia di correre su e giù per il prato dietro casa inseguendo una palla
  • la sensazione che avevi quando sentivi al tatto il cuore saltargli letteralmente fuori dal petto, mentre guardava la mamma rientrare a casa
  • l’acutezza dei sensi: era in grado di sentire un oggetto estraneo in casa a 3 camere di distanza, appena metteva zampa nell’appartamento; sono convinto che in alcuni casi sapesse che la mamma stava arrivando, o che il papà stava portando a casa il pane, quando la loro macchina era ancora dall’altra parte della piazza
  • quando lo sgridavi, si metteva tutto pentito nella cuccia, ma bastava uno sguardo perchè si sentisse perdonato e tornasse di corsa
  • a volte bastava un tuo sguardo per fargli capire che la mamma stava rincasando :)
  • la zampina che metteva sopra il bracciolo della sua poltrona per farti capire che fino a quel momento aveva scherzato, ma ora pretendeva delle coccole
  • come abbia miracolosamente sempre evitato di schiantarsi contro il muro del pianerottolo quando scendeva le scale di corsa
  • quando si metteva a correre d’improvviso sul marmo e per il primo paio di secondi scivolava e “sgommava” sul posto
  • come si faceva piccolo piccolo (per quanto possibile) se si sentiva incompreso
  • la corsa furtiva, quatto quatto, dallo studio al salotto quando riusciva a rubare della carta dal cestino

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

A dog doesn’t care if you are rich or poor, clever or dull, smart or dumb. Give him your heart and he’ll give you his. How many people can you say that about?

Intel Edison

Intel Edison

As some of you that follows me on Twitter may already know, I was at MakerFaireRome a few weeks back, and I couldn’t resist to buy the new Intel Edison board, the follow-up of Intel Galileo. Now, the board promises to be a lot of fun: it has a dual core Atom CPU (!), plus an Intel Quark microcontroller, 1 GB of RAM, 4 GB of disk, WiFi and Bluetooth: basically, everything in a really small form factor. There are some interesting things that I would really like to try, for example SparkFun sells a LiPo battery, and I am really curious how long it could last while powering up all the good stuff that I cited above, but that’s not the main topic for this post.

What I really wanted to try actually is the Intel XDK: for some reason, Intel decided to develop its own SDK for mobile applications, that uses open source frameworks such as Apache Cordova (that I didn’t know about, and which I am quite curious about now!) to allow developers to create their applications using HTML5, CSS and JavaScript and deploy them on all the OSes (Android, iOS, Windows Phone). At some point they also decided to extend their SDK to support their IoT efforts (XDK IoT Edition), and that’s what I was finally able to try yesterday: attach some hardware, deploy an app on the Edison and its companion app on Android, and see how the two of them react together (of course, you can develop apps for the Edison using the Android IDE, but there are more powerful ways to do that…).

The hardware

Edison and a couple of sensors and actuators

Edison and a couple of sensors and actuators

I have to admit that I put together a very simple experiment very quickly, so nothing fancy here: I dug up a proto shield for Arduino that I prepared some time ago, with just a couple of LEDs and a couple of buttons, and I put them together on the Intel Edison and Arduino breakout board, which is basically a board that exposes some USB ports, a slot for the Edison itself, and a set of headers to connect Arduino shields.

The thing that took more time was updating the Edison firmware: it is as simple as download the files from the Intel Website and put them in a partition that appears when you connect the board to a computer, except for the fact that noone tells you that the partition should be formatted in FAT32 before doing that (by default it is FAT): if you don’t, when you connect to the board through the serial port and execute the update, Linux is not able to read the files and fails (by the way, they use Yocto, of course!).

XDK, IoT Edition

XDK IoT

XDK IoT

Anyway, once done that, I fired up the XDK: what Intel did was put together a C/C++ library that supports the usual hardware protocols (digital and analog I/O, SPI, PWM…), and they made a wrapper in Python and one in JavaScript, and this one is the one that the IDE uses: basically, you write an app using Node.JS, using any of the Node.JS libraries plus the one interfacing with the hardware, and then the IDE builds up the dependencies (whenever they need to be built) and packages them on the board. It supports deployment, start and stop from the IDE, and remote debugging (“remote” because the computer and the Edison communicate through a LAN, not through serial).

Now, I am quite new to Node.JS (i.e., it was the first time that I used it, since it is known that I consider JavaScript to be one of the worst languages ever), so what I did was take an existing template and play with it: the code that you see up there simply reads the status of the two buttons and updates the two LEDs according to which button is pressed (a standalone application, if you wish, that you can write as easily with the Arduino IDE). The “new” part is that it also fires up a Web server and creates a Websocket that periodically publishes the status of the buttons to whoever is connected to it. Starting the app, thus, means starting the standalone job and the Web server, that waits for anyone to connect to it.

The standalone part of the application was working (I did not make a video: it is too stupid as code to be worth it :) ): it was time to find out how the smartphone counterpart works.

XDK, the smartphone counterpart

XDK smartphone

XDK smartphone

I started another existing template for smartphones, that was designed as a counterpart for another IoT template: basically, it shows a big grey circle and a text field, and it connects to the server that you specify on bootup, listening to the Websocket and updating the circle color and the text field whenever an update message arrives. The code is quite simple, and I made almost no modifications to the template: I maintained the same graphical layout and simply changed the message content that it receives from the Websocket (according to what I developed previously for the IoT app).

Bootup in the emulator

Bootup in the emulator

The editor part of the SDK is basically the same between the IoT and the smartphone parts: you are editing JavaScript in both cases. The smartphone part has several more tabs apart from the editor: first of all, the emulator. I am not sure but I think it uses the Intel virtualized capabilities of the hardware if available, or maybe it is only an emulator with HTML5 support: it was really fast to bootup (I am not sure because I was using it on Windows*, and I have no idea whether the virtualized capabilities are automatically started. I have not read much of the documentation for the XDK yet…); once started, it allows you to execute and debug an application, and see it using different graphical dispositions (the one in the screenshot is Nexus 4, but you have some Apple models and some Windows ones, plus others).

The IDE allows you to upload the app to the cloud and test it somehow: this is something I have to tried yet, so I cannot tell you much about it. If you don’t what to follow that route, you can simply test it on your devices: you need to install an Intel companion app that handles the communication with the XDK, and after that you can launch the execution on the device.

The app waiting for something to happen...

The app waiting for something to happen…

... something happened!

… something happened!

These are two screenshots that I took on my Nexus 5: the messages assume that someone is “knocking” by pressing the buttons on the shield connected to the Edison board. So it works! :)

Get the apk

Get the apk

Finally, you can build the APK: the XDK produces an ARM and an Intel version of the app, and you can download them and install them wherever you please, or put the in the various online markets. Of course, you can get the equivalents for iOS and Windows Phone (I have not tried, since I have no devices to try them).

Conclusions

All in all, the XDK is quite nice: it allows you to develop apps for IoT and smartphones using the same IDE, which for me is a very big plus. I found out the IDE to be a little unstable when moving from one app to the other, but then I installed an update and now it may be more stable (I found out about the update when I already finished my tests, so I have not tried it yet). I really need to explore more the Node.JS libraries on the IoT side and the JavaScript client libraries on the smartphone side (the XDK presents you with libraries for Facebook, Dropbox, Flickr, iTunes and much more, but I have no idea what they do or how they work), and also the Cordova API, that should allow the Web code to interact with the sensors inside the smartphone.

I have to say that I am quite interested in the idea of developing apps for all the smartphone OSes in one shot (yeah, I know is not a new idea…): as of today, I have only written native Android code, and I want to see what you can do using the HTML5 + JavaScript pair…

Peter Sellers

Certi aspetti della realtà sono così orribili che ci rifiutiamo di affrontarli, a meno che non ci siamo costretti da una commedia. Etichettare un argomento come inadatto alla commedia è ammettere la sconfitta.

Era da parecchio che non scrivevo più un post tecnico, e forse nemmeno questo sarà così tecnico, quanto più una rapida riflessione.

Nel paio di settimane di ripresa del lavoro dopo le vacanze estive, ho avuto occasione/necessità di scrivere un paio di utility da usare su un paio di sistemi embedded, essenzialmente per scaricare dati usando un po’ di protocolli (modbus, messaggistica di TinyOS). La scelta del linguaggio un po’ di tempo fa sarebbe ricaduta su un banale Java, ora invece è ricaduta su Scala.

Premessa: tendo a non prendere in considerazione linguaggi di scripting per cose che non siano uno script scritto al volo e da usare due volte in croce; questo perchè, per quanto apprezzi linguaggi come Python quando serve,

  1. la struttura del programma tende a degenerare rapidamente: se non sei costretto dal linguaggio a mantenere un minimo di struttura, e non hai tanto tempo da perdere (una delle utility è stata scritta in una giornata, per poterla testare sul campo il giorno successivo), non fai nulla per dare almeno quel minimo di struttura
  2. se il linguaggio non è compilato, tendo ad evitarlo: il lavorare solo a runtime ti costringe ad intercettare la classica quantità di ca***tine solo eseguendo il programma n volte, mentre se compili quegli stessi problemi li risolvi molto prima (se penso a tutte le volte in cui ti accorgi di aver sbagliato la ricezione di un messaggio in Erlang per aver invertito due parametri in una tupla…).

Dicevo: la scelta ormai ricade su Scala, dato che:

  • ha un build system tutto sommato decente (per quanto sotto ci sia Ivy ed i repository di Maven): salvo trovare incompatibilità tra versioni di Scala e versioni di libreria, funziona abbastanza bene e si configura con un semplice file di testo
  • ha il sistema di classi e quant’altro di Java
  • è compatibile con Java (fondamentale: per modbus avevo già testato tempo fa una libreria che funzionava sui miei apparecchi, e TinyOS ha una versione Java delle sue librerie)
  • è (anche) funzionale: se un linguaggio non mi supporta lambda, liste ed il trittico filter/map/fold, per quanto mi riguarda è un linguaggio che non considero
  • posso scegliere quando fare le cose immutabili e quando no (quest’ultima cosa praticamente mai, dato che la mutabilità è il male, ma in alcuni sporadici casi è un male necessario).

Tutto qui :) a breve penso di scrivere un post un po’ più tecnico su un altro progetto più a lungo termine, fatto sempre in Scala, con cui ho potuto sperimentare con un po’ di tecnologie divertenti (tra cui Akka, Play e RabbitMQ).

«Anche se io personalmente ritengo che il ciberspazio rappresenti la fine della nostra specie».

«E perché?».

«Perché implica la fine dell’innovazione», spiegò Malcolm. Quest’idea di un mondo interamente cablato significa morte di massa. Tutti i biologi sanno che piccoli gruppi in isolamento si evolvono rapidamente. Metti mille uccelli su un’isola in mezzo all’oceano e la loro evoluzione sarà rapida. Ne metti diecimila su un continente, e l’evoluzione rallenta. Ora, nella nostra specie l’evoluzione si verifica soprattutto attraverso il comportamento. Per adattarci noi lo mutiamo. E, come tutti sanno, l’innovazione si verifica solo in gruppi ristretti. Se hai una commissione formata da tre persone, forse qualcosa si riesce a fare. Con dieci, diventa più difficile. Con trenta, tutto si blocca. Con trenta milioni, diventa impossibile. Questo è l’effetto dei mass media: far sì che nulla succeda. I mass media soffocano la diversità. Rendono uguali tutti i posti, da Bangkok a Tokyo a Londra. C’è un McDonald’s in un angolo, un Benetton in un altro, un Gap all’altro lato della strada. Le diversità regionali spariscono. Tutte le differenze si annullano. In un mondo dominato dai mass media, tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film più visti e le idee più correnti. La gente si preoccupa perché nella foresta pluviale la diversità delle specie è in diminuzione. Ma che dire della diversità intellettuale, che è la risorsa più necessaria? Quella sparisce ancora più in fretta degli alberi. Ma noi non l’abbiamo ancora capito, e così contiamo di unire cinque miliardi di persone nel ciberspazio. E questo congelerà tutta la specie. Tutto si bloccherà. Tutti penseranno le stesse cose nello stesso momento. L’uniformità globale.».

Il quartiere degli schiavi, proprio ai margini della maremma, rabbrividiva della sua miseria. Nelle capanne di argilla dai tetti di palma si conviveva insieme agli avvoltoi e ai maiali, e i bambini bevevano dalla palude della strada. Tuttavia, era il quartiere più allegro, con colori intensi e voci radiose, e più ancora all’imbrunire, quando tiravano fuori le seggiole per godersi il fresco in mezzo alla via.

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 408 other followers